Fare clic per visualizzare Il suggerimento tecnico in formato PDF

Panoramica e procedura dettagliata Metodo C

Ci sono diversi metodi per eseguire la qualificazione delle prestazioni di una procedura di sterilizzazione con ossido di etilene per la sterilizzazione di un dispositivo o componente medico. Il più comune, e oggetto di questo suggerimento tecnico, è il metodo C (o metodo overkill), come indicato nelle linee guida pubblicate dall’Advancement of Medical Instrumentation (AAMI). Si tratta del metodo più comune e conveniente utilizzato oggi nel settore.

ANSI/AAMI/ISO 111351 (notare il riferimento alla International Standards Organization) descrive la procedura di qualificazione per un Metodo C come segue:

“Questo metodo comporta la determinazione del tempo minimo di esposizione all’ossido di etilene, con tutti gli altri parametri di processo mantenuti costanti, in cui non ci sono sopravvissuti (indicatori biologici). Due ulteriori esperimenti devono essere eseguiti per confermare il tempo minimo. Entrambi non devono mostrare alcuna crescita dagli indicatori biologici. Il tempo di esposizione specificato (di routine) deve essere almeno il doppio del tempo minimo. Inoltre, deve essere eseguito un ciclo di breve durata da cui possono essere recuperati sopravvissuti per dimostrare l’adeguatezza della tecnica di recupero.”

Il metodo di qualificazione di cui sopra è molto simile al metodo descritto nelle vecchie linee guida pubblicate da AAMI, dal titolo “Linee guida per la sterilizzazione con ossido di etilene industriale dei dispositivi medici.”2 Come nelle nuove linee guida (11135), sono stati condotti tre metà cicli (la metà del tempo di esposizione al gas di routine), in cui un indicatore biologico 106 è ridotto a 0 spore quando è collocato nella posizione di sterilizzatore più difficile all’interno del dispositivo medico e all’interno del carico dello sterilizzatore.

NOTA: gli indicatori biologici utilizzati per monitorare il processo di sterilizzazione con ossido di etilene consistono tipicamente di una popolazione superiore a 106 (1 milione) di Bacillus atrophaeus tipicamente inoculato su un carrier di carta. Questo è l’indicatore di scelta come individuato nella Pharmacopeia3 degli Stati Uniti (USP31).

La differenza tra le nuove linee guida AAMI rispetto alle vecchie linee guida è l’aggiunta di un “ciclo di breve durata” (definito “frazionario”) che produce la crescita dell’indicatore biologico, convalidando in tal modo la procedura di recupero biologico. Inoltre, come ulteriore vantaggio, il ciclo frazionario può essere utilizzato per stabilire una relazione tra un indicatore biologico posto sulla superficie esterna (esterno) di un pallet e l’indicatore biologico collocato nella posizione più difficile da sterilizzare (interna). Questi dati possono consentire il monitoraggio di routine utilizzando solo indicatori biologici esterni, evitando così il monitoraggio degli indicatori biologici interni. Ciò rappresenta un grande vantaggio in quanto le scatole non devono essere aperte, evitando la potenziale esposizione dell’operatore a livelli elevati di ossido di etilene.

Il monitoraggio delle temperature di carico interno e dell’umidità relativa è inoltre un requisito per eseguire procedure di qualificazione che rispettano le linee guida stabilite in ANSI/AAMI/ISO 11135. La conformità alla norma britannica EN5504 può essere raggiunta con l’aggiunta di sensori di monitoraggio aggiuntivi oltre a quelli indicati in ANSI/AAMI/ISO 11135. Il numero totale di sensori necessari è dipendente dal carico. Il numero effettivo può essere calcolato utilizzando le formule e le procedure riportate nei rispettivi documenti.

Le parti di una semplice convalida con EO, ipotizzando la qualificazione di un unico dispositivo di semplice progettazione, sono riportate di seguito.

Preparazione del protocollo

AAMI TIR No. 14-19975, dal titolo “Sterilizzazione a contratto per ossido di etilene”, raccomanda che tutte le qualificazioni siano eseguite utilizzando un piano d’azione scritto sotto forma di un protocollo. Si raccomanda inoltre che il protocollo sia esaminato e approvato da personale qualificato prima della sua esecuzione.

Monitoraggio biologico

Per la qualificazione sono utilizzati due tipi di test biologici. Un tipo è il test di sterilità del prodotto naturale e l’altro è il test di sterilità dell’indicatore biologico. Il test di sterilità del prodotto naturale viene eseguito dopo ogni metà ciclo per garantire che il prodotto sia reso sterile dal processo come richiesto in USP23. Il test di sterilità dell’indicatore biologico, quando eseguito con successo, dimostra una riduzione 6-log dell’indicatore biologico a metà esposizione, che produce una riduzione 12-log teorica alla massima esposizione (quindi il riferimento per l’overkill).

Dispositivi di prova della procedura interni (IPCD), come indicato nelle linee guida, vengono preparati collocando indicatori biologici nelle aree più difficili per sterilizzare del dispositivo. Questa posizione “di monitoraggio” viene selezionata utilizzando i dati generati durante lo sviluppo della procedura/del prodotto o mediante l’esame di uno specialista di sterilizzazione che abbia familiarità con il tipo di dispositivo e con il processo di sterilizzazione. Il numero di IPCD necessari dipende dalla quantità di carico (riferimento 11135).

Ulteriori indicatori biologici vengono preparati per essere utilizzati come Dispositivi di prova della procedura esterni(EPCD). Gli EPCD saranno posizionati sulle superfici esterne del carico e saranno infine utilizzati come monitor della procedura biologica di routine.

Preparazione del carico di riferimento

Un carico di riferimento viene definito in 11135 come “Carico di sterilizzazione specificato costituito per rappresentare la combinazione più difficile di prodotti da sterilizzare”. Collaborando con il Cliente, sarà individuato un carico di riferimento, che assicurerà che il serbatoio sia utilizzato al massimo carico , che si tradurrà nell’esecuzione della prova della densità massima di carico. Dopo aver individuato la configurazione di carico, tutti i PCD (interni ed esterni) sono collocati sul carico insieme con i campioni di sterilità del prodotto e i relativi strumenti di monitoraggio di umidità/temperatura.

Precondizionamento ambientale

La maggior parte delle procedure di sterilizzazione odierne iniziano con il condizionamento dei prodotti da qualificare all’esterno della camera di sterilizzazione. IL precondizionamento è di solito eseguito in una camera appositamente progettata per riscaldare e umidificare i prodotti ad una temperatura e umidità interna stabili prima di essere immessi nella camera.

Il prodotto viene immesso nella camera di precondizionamento e mantenuto per un tempo (sosta) selezionato dallo specialista di sterilizzazione EO che rappresenti il tempo minimo (+0, -1 ora) che sarà consentito durante la produzione di routine.

Al termine del tempo di permanenza nel precondizionamento, i prodotti vengono spostati nello sterilizzatore per il trattamento a metà ciclo o ciclo frazionario.

Trattamento di sterilizzazione

  • Ciclo frazionario – Il carico viene trattato in un ciclo di sterilizzazione selezionato o progettato dallo specialista nella sterilizzazione EO per fornire meno letalità ad una frazione del tempo di esposizione del ciclo di routine, rispetto al ciclo che verrà utilizzato per il trattamento di routine.
  • Metà ciclo – Il carico viene trattato in un ciclo selezionato o progettato dallo specialista nella sterilizzazione EO per fornire meno letalità alla metà del tempo di esposizione del ciclo di routine, rispetto al ciclo che verrà utilizzato per il trattamento di routine.

Aerazione riscaldata

Dopo la sterilizzazione, il carico viene posto in una camera riscaldata per un’ulteriore rimozione dei gas residui. Le camere sono mantenute a temperature elevate e i residui degassati sono continuamente rimossi dalla stanza e spazzolati. Il prodotto risiede nella camera di aerazione per un minimo di 6 ore; viene quindi spostato nell’area di campionamento.

Campionamento

I campioni biologici vengono rimossi dal carico e inviati al laboratorio per i test di sterilità. Tutti gli indicatori biologici sono asetticamente trasferiti in provette di terreno di coltura e posti in incubazione per 7-10 giorni. Tutte le unità di test di sterilità del prodotto sono asetticamente trasferite al terreno di coltura e poste in incubazione per 14 giorni.

Test di sterilità

  • Ciclo frazionario (1 ciascuno) – Questo ciclo, in caso di successo, produrrà la crescita di alcuni o tutti gli indicatori biologici, ma restituirà una crescita pari a zero delle unità di test di sterilità del prodotto. La crescita dell’indicatore biologico servirà per convalidare il processo di recupero dell’indicatore biologico.
  • Metà cicli (3 ciascuno) – Questi cicli, in caso di successo, determineranno la sterilità totale di tutti gli IPCD e delle unità di test di sterilità del prodotto. A seconda della resistenza dell’EPCD, si potrebbe osservare della crescita a causa della breve durata del tempo di esposizione selezionato.
  • Cicli completi – Cicli completi supplementari eseguiti al tempo di esposizione di routine saranno utilizzati come parte del processo di qualificazione per valutare la funzionalità del prodotto, l’integrità della confezione e i residui di EO. Questi saranno eseguiti e saranno parte del set dei dati di qualificazione delle prestazioni.

Report finale

Sarà preparato un report finale contenente tutti i dati e una sintesi che identifica il successo della procedura di convalida. Le approvazioni per il report finale sono in genere fornite da coloro che hanno approvato il protocollo di test. Una copia del report finale e di tutti i dati deve essere mantenuta in archivio.

Riferimenti bibliografici

  1. ANSI/AAMI/ISO 11135, 2007 Dispositivi medici – Convalida e controllo di routine della sterilizzazione con ossido di etilene 2 ST23 – Linee guida per la sterilizzazione con ossido di etilene industriale di dispositivi medici, il design del processo, la convalida, la sterilizzazione di routine e la sterilizzazione a contratto, 1995, 1988
  2. United States Pharmacopeia, 31st ed., 2008
  3. BS EN 550 – Sterilizzazione di dispositivi medici – Convalida e controllo di routine della sterilizzazione con ossido di etilene, 1994
  4. AAMI Technical Information Report (TIR) No. 14 – Contract Sterilization Using Ethylene Oxide, 2009

Visualizza la biblioteca completa sulle informazioni tecniche relative alla sterilizzazione mediante irradiazione gamma e alla sterilizzazione con ossido di etilene.